Anoressia - Centro Ceral

Vai ai contenuti
AREA CLINICA > Psicologia : Disturbi età adulta > Nutrizione alimentazione
ANORESSIA NERVOSA

Anche se il disturbo di Anoressia Nervosa è stato definito come la malattia dell’ "era industriale" il corso della storia ne conserva testimonianze anche in epoche più remote.
Le caratteristiche dell' Anoressia Nervosa sono essenzialmente tre:

1. restrizione persistente nell'assunzione di calorie con risultato di un peso corporeo significativamente più basso del normale in riferimento all'età, al sesso e allo sviluppo della persona attraverso atteggiamenti disfunzionali, quali:
  • diete molto restrittive;
  • eccessivo uso di lassativi, diuretici, compresse dimagranti;
  • estremo vegetarianismo;
  • vomito autoindotto subito dopo l’assunzione di cibo;
  • smisurato esercizio fisico;
  • rituali protettivi;
  • evitamento dei contatti sociali mediati dal cibo e che creino difficoltà a resistere agli alimenti;
  • pressioni eccessive sui familiari sul tipo di spesa;
 
2. paura intensa di ingrassare o di prendere di peso;
 
3. alterazione significativa della percezione di sé relativa al peso e alla forma del corpo.
Chi soffre di Anoressia Nervosa presenta una percezione alterata di sé in merito al peso e alla forma del proprio corpo. In alcuni casi si percepiscono in sovrappeso; in altri, pur ammettendo di essere magri, presentano la convinzione che determinate parti del corpo come la pancia, le cosce o i glutei siano grasse. Perdere peso rappresenta una vittoria e autodisciplina; viceversa assumere peso rappresenta una mancanza di autodisciplina. Frequentemente sono i familiari a chiedere aiuto a un clinico poiché chi soffre del disturbo non riconosce le gravi implicazioni mediche della malnutrizione; qualora sia la persona stessa a chiedere aiuto, la spinta proviene dalle conseguenze fisiche e psicologiche collegate al digiuno e non a causa del riconoscimento della propria condizione di malnutrizione.

DUE TIPI DI ANORESSIA NERVOSA:
  • con restrizioni: negli ultimi tre mesi la persona non ha manifestato comportamenti di abbuffate o, al contrario, condotte di eliminazione (per esempio vomito autoindotto). La perdita di peso è perciò ottenuta attraverso una dieta, il digiuno o un'eccessiva attività fisica.
  • con abbuffate/condotte di eliminazione: negli ultimi tre mesi la persona ha manifestato spesso episodi di abbuffate, vomito autoindotto, uso di lassativi e diuretici o enteroclismi.
 
 
INSORGENZA, DECORSO E REMISSIONE
 
L'Anoressia Nervosa si manifesta comunemente in adolescenza o nella prima età adulta e si associa frequentemente a un evento stressante. Riguardo il decorso in alcuni casi guariscono dopo il primo episodio, ad eccezione di sporadiche recidive, mentre in altri casi il decorso è cronico nel corso degli anni; nella maggior parte dei casi la remissione avviene entro 5 anni dalla manifestazione iniziale. Il rischio di suicidio nell'Anoressia Nervosa è molto elevato: 12 su 100.000 per anno.

FATTORI DI RISCHIO NELL'ANORESSIA NERVOSA  
  • temperamentali: presenza di disturbi di ansia o tratti ossessivi durante l'infanzia.
  • ambientali: culture in cui essere magri costituisce un valore o attività come la modella o l'atleta.
  • genetici/biologici: familiare di primo grado che ha presentato questo disturbo.

COMPLICANZE MEDICHE
La maggior parte dei sistemi organici viene alterata e tali alterazioni possono causare molteplici disturbi.

COMPLICANZE PSICOPATOLOGICHE
  • insonnia;
  • ritiro sociale;
  • diminuito interesse sessuale.
  • irritabilità;
 
La correlazione tra Disturbo Depressivo e Anoressia Nervosa varia in base al periodo di insorgenza:
  • compaiono simultaneamente: la depressione potrebbe associarsi allo stato di malnutrizione per una ridotta risorsa di triptofano;compare prima la depressione e successivamente l’anoressia nervosa: il disturbo dell'umore può costituire un fattore di rischio nell’insorgenza dell'anoressia nervosa;
  • compare prima l’anoressia nervosa e successivamente la depressione: la depressione è una conseguenza del disagio sociale dovuto al disturbo alimentare cronico.

Nella clinica si presentano casi con manifestazioni di tipo ossessivo-compulsivo collegati all'Anoressia Nervosa (collezionismo di ricette di cucina o accumulo di cibarie), o collegate all’ ansia come la preoccupazione di mangiare di fronte agli altri, sentimenti di inadeguatezza e bassa autostima, controllo sull'ambiente, scarsa flessibilità mentale, riduzione della spontaneità ed dell’espressività emotiva. Le persone che presentano Anoressia Nervosa con abbuffate/condotte di eliminazione sono più propense a sviluppare comportamenti impulsivi e all'abuso di sostanze psicoattive.

TRATTAMENTO MULTIDISCIPLINARE
Un buon piano terapeutico prevede un assessment multidisciplinare che comprenda sia aspetti psicologici che medici:
presenza di complicazioni mediche  e fattori clinici di rischio;
  • fattori predisponenti e precipitanti del disturbo: familiarità con disturbi alimentari, storia di obesità, stile di attaccamento, problematiche relazionali;
  • comorbidità psichiatriche: ansia, depressione, disturbi di personalità, rischio suicidio;
  • deficit cognitivi e neuropsicologici: memoria a breve termine, attenzione, rigidità cognitiva;
  • ospedalizzazione se necessario;
  • regime alimentare che riduca in breve tempo i rischi legati allo stato di malnutrizione;
  • psicoeducazione e sostegno alla famiglia in tutte le fasi del trattamento;
  • psicoterapia individuale.
Torna ai contenuti | Torna al menu