Bullismo - Centro Ceral

Vai ai contenuti
RIFLETTERE SUL BULLISMO

Ogni giorno i quotidiani e la televisione affrontano il delicato tema del bullismo nelle sue molteplici manifestazioni. Spesso la questione della pericolosità e l’esigenza di controllo sembrano prevalere sull’interesse del bambino e dell’adolescente e dell’analisi in termini sistemici. Il bullismo allora può essere interpretato solo come “problema sociale”, la cui soluzione rischia di essere rintracciata nella punizione e nella repressione del comportamento aggressivo. Con il termine bullismo si definiscono le azioni aggressive o i comportamenti di manipolazione sociale tipici di gruppi di pari, perpetrati in modo intenzionale e sistematico da uno o più persone ai danni di altre. Il termine italiano bullismo è la traduzione letterale della parola “bullying”, termine inglese usato nella letteratura internazionale per connotare il fenomeno delle prepotenze tra pari in un contesto di gruppo.

COMPORTAMENTI DI BULLISMO RIPETUTI NEL TEMPO:
 
  • a livello fisico ( punzecchiare, tirare i capelli, picchiare, dare calci e pugni, rinchiudere in una         stanza, danneggiare le proprietà dell’altro, ecc.);
  • a livello verbale ( linguaggio offensivo, telefonate offensive, estorsione di denaro o beni materiali, intimidazioni e minacce, prese in giro e offese per il colore della pelle, linguaggio molesto e allusivo, dicerie e bugie sul conto di qualcuno);
  • a livello non verbale ( fare brutte facce o gesti rudi, manipolare o danneggiare rapporti di amicizia, escludere sistematicamente e isolare socialmente, inviare lettere scritte o frasi offensive);
  • attività criminali antisociali ( ferite fisiche gravi, minacce con armi, furti, abusi sessuali).

I PROTAGONISTI
 
  • I ruoli dei partecipanti individuati in un atto di bullismo, da varie ricerche, sono sei:
  • bullo: prende attivamente l’iniziativa nel fare prepotenze ai compagni;
  • aiutante: agisce in modo prepotente ma con una posizione, secondaria nel gruppo, di “   seguace   ” del bullo;
  • sostenitore: agisce in modo da rinforzare il comportamento del bullo, ad esempio ridendo, incitandolo o solo stando a guardare;
  • difensore: prende le difese della vittima consolandola;
  • esterno: non fa niente, cercando di rimanere fuori dalle situazioni di prepotenza;
  • vittima: subisce più spesso le prepotenze.
 
CARATTERISTICHE PSICOLOGICHE DEL BULLO

Il bullo dominante
  • maschio, più forte fisicamente o psicologicamente rispetto ai compagni;
  • presenta un’elevata autostima ed è caratterizzato da un atteggiamento favorevole verso la violenza;
  • ritiene che l’aggressività possa essere positiva poiché aiuta ad ottenere ciò che si vuole ed è sempre pronto a giustificare il proprio comportamento aggressivo sia verso i compagni che verso gli adulti;
  • oltre a prendere l’iniziativa nell’aggredire istiga altri compagni a farlo.

Il bullo gregario
  • più ansioso del precedente, con difficoltà scolastiche, poco popolare nel gruppo ed insicuro;
  • aiuta e sostiene il bullo per acquisire identità e affermazione nel gruppo.
 
CARATTERISTICHE PSICOLOGICHE DELLA VITTIMA

Vittima passiva
  • è ansiosa o sottomessa, che segnala ai bulli la sua insicurezza e difficoltà a reagire;
  • ha bassa autostima, opinione negativa di sé, esclusa dal gruppo, cerca la vicinanza degli   adulti, il rendimento scolastico peggiora alle medie e spesso si auto-colpevolizza;
  • i più vulnerabili sono bambini di diversa cultura o diversamente abili.
 
Vittima provocatrice
assume comportamenti che causano tensione nei compagni e negli adulti, provocando reazioni negative a proprio danno.

Prendere consapevolezza di ciò, deve condurre al monitoraggio e ad interventi continui nel tempo, con la collaborazione fra tutti gli adulti responsabili del benessere dei ragazzi, in ogni contesto educativo e possibilmente avvalendosi di personale esperto con progetti a breve, medio e lungo termine.
Torna ai contenuti | Torna al menu